SAI COME SI FORMANO I DIAMANTI?

Aspetta, cosa c’entrano i diamanti con il corpo umano e la fisioterapia?

C’entrano tantissimo.

Tempo fa ho letto un articolo che spiegava come nascono i diamanti.

E ho scoperto una cosa affascinante.

Non sapevo infatti che i diamanti, la cosa più preziosa al mondo, sia fatta di un elemento che in realtà troviamo in quasi tutte le cose presenti sulla terra: il carbonio.

Ma allora come fa a diventare così speciale?

È qui che arriva la parte affascinante.

I diamanti nascono solo a centinaia di chilometri di profondità, quando sono sottoposti a temperature e pressioni inimmaginabili per milioni di anni.

Un processo duro e lunghissimo, dove il materiale grezzo viene sottoposto a condizioni estreme. Non potrebbe formarsi in altre condizioni, diciamo, più semplici.

Inizia a capire dove voglio arrivare?

Quante volte nella vita scegliamo la strada più semplice e facile (l’antidolorifico che spenge il dolore…), passando alla larga dal problema, perchè pensiamo sia la cosa la più giusta?

In realtà è proprio affrontando le difficoltà che si superano veramente i problemi.

È sbagliando e sudando che forgiamo il nostro spirito e il nostro fisico.

È calandosi nella profondità delle cose e non rimanendo in superficie, che ci costruiamo il domani.

Quindi voglio lasciarti con una domanda.

È meglio addormentare il dolore o cercare di capire veramente cosa c’è in profondità e risolverlo?

CERVICALE & DORSALE: dalla valutazione al trattamento

Impara a valutare il tratto cervicale e dorsale, scegliendo le tecniche giuste per risolvere il problema.

⚠️Attenzione
Questo non è il solito corso che ti elenca la lista delle problematiche della cervicale.Non tornerai a casa solo con un sacco di nozioni teoriche, senza sapere come e dove mettere le mani per affrontare veramente il dolore.

𝗔𝗹 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗿𝗮𝗿𝗶𝗼 𝗶𝗺𝗽𝗮𝗿𝗲𝗿𝗮𝗶 𝗹𝗲 𝘀𝘁𝗿𝗮𝘁𝗲𝗴𝗶𝗲 𝗽𝗿𝗮𝘁𝗶𝗰𝗵𝗲 𝗲 𝘀𝘂𝗯𝗶𝘁𝗼 𝗮𝗽𝗽𝗹𝗶𝗰𝗮𝗯𝗶𝗹𝗶 𝗰𝗵𝗲 𝘁𝗶 𝗽𝗲𝗿𝗺𝗲𝘁𝘁𝗲𝗿𝗮𝗻𝗻𝗼 𝗱𝗶 𝘁𝗿𝗮𝘁𝘁𝗮𝗿𝗲 𝗰𝗼𝗻 𝘁𝗿𝗮𝗻𝗾𝘂𝗶𝗹𝗹𝗶𝘁𝗮’ 𝗼𝗴𝗻𝗶 𝗽𝗮𝘇𝗶𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗰𝗵𝗲 𝘃𝗲𝗿𝗿𝗮’ 𝗻𝗲𝗹 𝘁𝘂𝗼 𝘀𝘁𝘂𝗱𝗶𝗼.

Andremo a vedere insieme come si effettua una valutazione della zona cervicale e dorsale, partendo dalla palpazione e da i test, per organizzare il ragionamento clinico che sta alla base del trattamento.Insegniamo quello che facciamo e facciamo quello che insegniamo.

𝗖𝗵𝗲 𝗿𝗶𝘀𝘂𝗹𝘁𝗮𝘁𝗶 𝗼𝘁𝘁𝗲𝗿𝗿𝗮𝗶:
👉Imparerai con precisione i punti di repere della zona cervicale e dorsale
👉Apprenderai tutte le conoscenze necessarie per effettuare il ragionamento clinico
👉Saprai come impostare il trattamento e quali tecniche scegliere a seconda delle caratteristiche del problema di ogni singolo paziente
👉Acquisterai sicurezza nel poter trattare un paziente nella fase acuta
👉Inizierai a scoprire il fantastico e complesso mondo del “Mal di testa”


𝗣𝗲𝗿𝗰𝗵𝗲’ 𝗲’ 𝗻𝗮𝘁𝗼 𝗜𝗻𝘁𝗲𝗴𝗿𝗮𝘁𝗲𝗱 𝗠𝗮𝗻𝘂𝗮𝗹 𝗧𝗵𝗲𝗿𝗮𝗽𝘆?
Ormai da anni trattiamo ogni giorno pazienti con dolori alla cervicale, mal di testa e rigidità del collo. Per noi è la normalità.Ci siamo resi conto di una cosa però.


All’inizio della nostra “carriera” di fisioterapisti, quando dovevamo trattare un paziente con un forte dolore alla cervicale, eravamo impauriti e frustrati, perchè non sapevamo cosa fare per migliorare il suo dolore.Abbiamo quindi deciso di creare Integrated Manual Therapy come corso iniziale per chi vuole partire subito con il piede giusto, imparando a valutare e trattare la zona cervicale e dorsale.

Questo è solo il primo appuntamento.


Ci saranno infatti altri tre fine settimana dove andremo ad affrontare altri distretti del corpo
Aprile 2022 Spalla e arto superiore
Settembre 2022 Rachide Lombare e cingolo pelvico
Dicembre 2022 Arto inferiore

🔵 𝗦𝗰𝗮𝗿𝗶𝗰𝗮 𝗶𝗹 𝗽𝗿𝗼𝗴𝗿𝗮𝗺𝗺𝗮 𝗱𝗲𝗹 𝗰𝗼𝗿𝘀𝗼
https://bit.ly/30zYrCi


📍 𝗦𝗲𝗱𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗲𝘃𝗲𝗻𝘁𝗼 
IL FULIGNO, centro servizi e formazione Montedomini, via Faenza 48 50123, Firenze 

🗓 𝗗𝗮𝘁𝗲 
15-16 Gennaio 2022

🎓 𝗘𝗹𝗲𝗻𝗰𝗼 𝗱𝗼𝗰𝗲𝗻𝘁𝗶
Taddeo Sarah
Laura Paladini 
Magherini Alessio 
Rascionato Leonardo

⏰ 𝗗𝘂𝗿𝗮𝘁𝗮
2 giorni, 16 ore complessive

📜 𝗘𝗰𝗺
La partecipazione dà diritto a 24 ecm

👥 𝗣𝗮𝗿𝘁𝗲𝗰𝗶𝗽𝗮𝗻𝘁𝗶
Minimo 8
Massimo 15 

🛍 𝗤𝘂𝗼𝘁𝗮 𝗱𝗶 𝗽𝗮𝗿𝘁𝗲𝗰𝗶𝗽𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 
300 € (iva compresa) se l’iscrizione viene effettuata entro il 15 dicembre 2021
350 € (iva compresa) se l’iscrizione viene effettuata dopo il 15 dicembre 2021
Per i laureati negli anni 2021 e 2022 il prezzo rimane sempre 300 €

 📩 𝗜𝘀𝗰𝗿𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 
L’iscrizione dovrà essere effettuata mediante la scheda di registrazione da inviare a magheriniacademy@gmail.com

💳 𝗣𝗮𝗴𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 
Bonifico bancario intestato a:Albopara SRL
Iban: IT39T0324221500CC1034023246 Banco di Lucca e del Tirreno

MI SONO EMOZIONATO

Questo è il testo della lettera che mi ha inviato una mia paziente.

Una persona passa mesi, lunghi mesi di complesse ricerche, visite, medici, ortopedici, rx e tac e tantissime visite.

Non solo a livello economico, ma fisico e mentale, lo stress di non sapere cosa hai o i dolori lancinanti che ti prendono da mesi e quanto dureranno ancora, se mai spariranno, se si possono attenuare e non solo con punture e cortisone, e’ un mix veramente sfiancante sommato a una sofferenza continua.

Insomma sembra assurdo che per un qualcosa iniziato come un banale mal di schiena, non si possa avere una causa e una cura. 

Gia’ il solo pensiero di saperne di più ti pare alleviare il carico di preoccupazioni per una vita che e’ diventata improvvisamente pesantezza infinita e ti rende sempre meno autonoma, nervosa e senza motivazione oltre che lavorativamente e socialmente sempre meno sostenibile.

Finche’ dopo averne tentate mille mila trovi una persona diversa, aperta mentalmente, seria, precisa, un fisioterapista ma anche osteopata, ma soprattutto una persona empatica, preparata e diversa a tutto tondo perchè’ ti ascolta veramente e decide di manipolare e iniziare una terapia che non abbia solo un approccio medico-scientifico, ma a tu per tu con la persona.

Tutto l’opposto di ciò che ho ottenuto e passato per mesi purtroppo, e ciò’ che avrei sperato mi dicesse o desse un qualunque medico anche specialista e ben pagato, ma nessuno mi “vedeva interamente come essere umano” bensi’ analizzando il piede, la gamba, la schiena, l’esame come fossero pezzi distinti di un automobile solo meccanica mi rimandava a casa. 

Nessuna diagnosi nessuna cura. 

Impossibile sopportare per un tempo cosi’ indefinito una non vita, una non diagnosi, nessun conforto ma nemmeno indicazioni per un qualunque tipo di miglioramento. 

Poi c’e’ chi con la pratica, arriva ai muscoli, alle ossa, alla mente, al lavoro ,alla totalità da risistemare partendo anche da un nuovo modo di curarsi in modo più naturale e con una dieta totalmente diversa. E le manipolazioni se pur toste e spesso dolorose iniziano a cambiare e migliorarti e farti tornare piano piano a una normalità….

Il percorso è ancora lungo, insidioso e difficile ma almeno e’ una strada, e c’e’. 

Beh, tutto o tanto di ciò che mi hai detto o almeno io ho percepito e’ in queste parole 

E io per adesso mi sento di dirti solo e veramente GRAZIE

Grazie di cuore. 

IL MOTIVO N°1 PER CUI LE PERSONE SI BLOCCANO DI SCHIENA IN INVERNO

Ogni anno, tra la fine di Novembre e i primi di Marzo, sono tantissime le persone che rimangono bloccate con la schiena o che lamentano dolori al collo.

Proprio per questo, oggi voglio spiegarti come evitare questo “pericolo”.

Innanzitutto, “perchè succede”?

Per il nostro corpo, il passaggio dall’estate all’autunno (come anche quello tra l’inverno e la primavera) è un momento critico.

Si ritorna alla routine lavorativa, si sta meno all’aria aperta, ci si muove meno.

Inoltre il cambio di stagione ha un effetto “negativo” sulla produzione della Serotonina (ormone del benessere generale del corpo) e sulla funzionalità dell’Intestino, che, come diciamo sempre, ha un ruolo fondamentale per la schiena e la postura.

Tutte queste cose insieme, costringono il corpo a lavorare male e certe zone (come lombare e cervicale), alla lunga possono andare incontro a rigidità e dolori.

Ok, quindi cosa possiamo fare?

Possiamo prevenire tutto questo tramite un’attività fisica regolare, una corretta alimentazione (abbinata all’uso di alcuni integratori naturali), ma sopratutto controllando la postura per vedere se ci sono alcune zone che silenziosamente non lavorano bene.

Per questo ai nostri pazienti che salutiamo prima dell’estate diciamo sempre “vediamoci verso Ottobre per un controllino!”.

E sono tante le persone che ormai, avendo imparato, passano a farsi controllare la postura all’inizio dell’autunno.

Ora che lo sai, non aspettare il mal di schiena, fregalo prima te!

CLICCA QUI https://bit.ly/3mkm8W1

Laura Paladini

GIORNATA MONDIALE DELLA FISIOTERAPIA

Quando abbiamo deciso come festeggiare la 🌍 𝘎𝘪𝘰𝘳𝘯𝘢𝘵𝘢 𝘔𝘰𝘯𝘥𝘪𝘢𝘭𝘦 𝘥𝘦𝘭𝘭𝘢 𝘍𝘪𝘴𝘪𝘰𝘵𝘦𝘳𝘢𝘱𝘪𝘢 🤲🏻, abbiamo pensato ad alcune frasi che tantissime persone ci dicono tutti i giorni.

“𝘏𝘰 𝘴𝘦𝘮𝘱𝘳𝘦 𝘥𝘰𝘭𝘰𝘳𝘦 𝘢𝘭𝘭𝘢 𝘴𝘤𝘩𝘪𝘦𝘯𝘢: 𝘥𝘰𝘷𝘳𝘦𝘪 𝘧𝘢𝘳𝘦 𝘶𝘯 𝘱𝘰’ 𝘥𝘪 𝘨𝘪𝘯𝘯𝘢𝘴𝘵𝘪𝘤𝘢, 𝘮𝘢 𝘥𝘢 𝘴𝘰𝘭𝘢 𝘯𝘰𝘯 𝘳𝘪𝘦𝘴𝘤𝘰 𝘢 𝘧𝘢𝘳𝘦 𝘯𝘶𝘭𝘭𝘢!”

“𝘕𝘦𝘭𝘭𝘦 𝘱𝘢𝘭𝘦𝘴𝘵𝘳𝘦 (𝘲𝘶𝘦𝘭𝘭𝘦 𝘨𝘳𝘢𝘯𝘥𝘪) 𝘯𝘰𝘯 𝘮𝘪 𝘴𝘦𝘯𝘵𝘰 𝘢 𝘮𝘪𝘰 𝘢𝘨𝘪𝘰, 𝘲𝘶𝘪𝘯𝘥𝘪 𝘩𝘰 𝘴𝘦𝘮𝘱𝘳𝘦 𝘳𝘪𝘯𝘶𝘯𝘤𝘪𝘢𝘵𝘰!”

“𝘏𝘰 𝘱𝘢𝘶𝘳𝘢 𝘢 𝘧𝘢𝘳𝘦 𝘨𝘭𝘪 𝘦𝘴𝘦𝘳𝘤𝘪𝘻𝘪 𝘥𝘢 𝘴𝘰𝘭𝘰, 𝘱𝘦𝘳𝘤𝘩𝘦’ 𝘴𝘦 𝘴𝘣𝘢𝘨𝘭𝘪𝘰 𝘱𝘰𝘪 𝘳𝘪𝘴𝘤𝘩𝘪𝘰 𝘥𝘪 𝘧𝘢𝘳𝘦 𝘱𝘦𝘨𝘨𝘪𝘰!”

Proprio per aiutarti, abbiamo deciso di creare 𝘂𝗻 𝗰𝗼𝗿𝘀𝗼 𝗱𝗶 𝟭𝟬 𝗹𝗲𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗽𝗿𝗶𝘃𝗮𝘁𝗲 , 𝗱𝗼𝘃𝗲 𝗼𝗴𝗻𝗶 𝘃𝗼𝗹𝘁𝗮 𝗮𝘃𝗿𝗮𝗶 𝗮 𝗱𝗶𝘀𝗽𝗼𝘀𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝘀𝗼𝗹𝗼 𝗽𝗲𝗿 𝘁𝗲, 𝘂𝗻 𝗻𝗼𝘀𝘁𝗿𝗼 𝗳𝗶𝘀𝗶𝗼𝘁𝗲𝗿𝗮𝗽𝗶𝘀𝘁𝗮 𝗰𝗵𝗲 𝘁𝗶 𝘀𝗲𝗴𝘂𝗶𝗿𝗮’ 𝗲 𝘁𝗶 𝗶𝗻𝘀𝗲𝗴𝗻𝗲𝗿𝗮’ 𝗴𝗹𝗶 𝗲𝘀𝗲𝗿𝗰𝗶𝘇𝗶 𝗺𝗶𝗴𝗹𝗶𝗼𝗿𝗶 𝗽𝗲𝗿 𝗰𝗼𝗺𝗯𝗮𝘁𝘁𝗲𝗿𝗲 𝗱𝗼𝗹𝗼𝗿𝗶 𝗰𝗼𝗺𝗲 𝗶𝗹 𝗺𝗮𝗹 𝗱𝗶 𝘀𝗰𝗵𝗶𝗲𝗻𝗮 𝗼 𝗶𝗹 𝗱𝗼𝗹𝗼𝗿𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗰𝗲𝗿𝘃𝗶𝗰𝗮𝗹𝗲.

💣Ma non abbiamo finito, perchè 𝗹𝗮 𝘃𝗲𝗿𝗮 𝗯𝗼𝗺𝗯𝗮 𝗲’ 𝗶𝗹 𝗽𝗿𝗲𝘇𝘇𝗼: 𝟭𝟬 𝗹𝗲𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗽𝗿𝗶𝘃𝗮𝘁𝗲 𝗮 𝟮𝟱𝟬 𝗲𝘂𝗿𝗼.

Solitamente un’ora in palestra, da sola con un nostro fisioterapista costa 35 euro, quindi conti alla mano c’è un risparmio di 100 euro.

Attenzione però, perchè avrai solamente pochi giorni a disposizione per iscriverti a questo prezzo speciale!

❌Le iscrizioni infatti chiuderanno LUNEDÌ 13 SETTEMBRE alle ore 23.59, dopo di che il prezzo aumenterà.❌

Perchè iscriversi?

𝗣𝗲𝗿𝗰𝗵𝗲’ 𝘁𝗶 𝘀𝗲𝗻𝘁𝗶𝗿𝗮𝗶 𝗯𝗲𝗻𝗲 𝗳𝗶𝘀𝗶𝗰𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗲 𝗺𝗲𝗻𝘁𝗮𝗹𝗺𝗲𝗻𝘁𝗲.

Ogni giorno corriamo per fare mille cose e accumuliamo tanta tensione muscolare: piano piano i dolori iniziano a farsi sentire.

Nonostante tutto però, andiamo avanti, fino a quando non restiamo bloccati con la schiena, costretti a rinunciare alle cose che amiamo fare.

👉Come è successo l’altro giorno ad una signora che ha dovuto rinunciare alle vacanze, perchè è rimasta bloccata con la schiena, dopo un sforzo stupido (parole sue).

Aveva sentito un pò di dolore alla schiena nei mesi precedenti, ma non gli aveva dato ascolto.

𝗧𝘂 𝗶𝗻𝘃𝗲𝗰𝗲 𝗵𝗮𝗶 𝘂𝗻’𝗼𝗰𝗰𝗮𝘀𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗶𝗻𝗰𝗿𝗲𝗱𝗶𝗯𝗶𝗹𝗲.

Ricorda, avrai uno dei nostri fisioterapisti, per un’ora a tua disposizione: insieme vedrete gli esercizi più giusti per la tua schiena.

Cosa aspetti?

Regalati un pò di benessere.

𝗧𝗲 𝗹𝗼 𝗺𝗲𝗿𝗶𝘁𝗶!

Scrivici e ti contatteremo per fissare!

NON FARTI COLPIRE DAL MAL DI VACANZA

Aspettiamo tutto l’anno le tanto agognate ferie d’estate e poi ci ritroviamo i primi giorni con il mal di testa, dolori alla cervicale o alla schiena!

Perchè?

Perchè molto spesso il nostro corpo arriva alla partenza delle ferie sovraccaricato e debilitato dagli sforzi lavorativi di tutto l’anno, a cui aggiungiamo cambiamenti di abitudini (orari, alimentazione, attività) che vanno ulteriormente a stimolare il nostro organismo e a mandare in tilt il nostro sistema immunitario.

Ad Vingerhoets psicologo Olandese, dice: “ Il nostro fisico, abituato a produrre un sovraccarico di energie per il troppo lavoro, continua a produrre tali energie anche quando si termina di lavorare e ciò accade sia in vacanza che nel week end. Avviene così un disequilibrio nel fisico che porta a questi sintomi frequenti”

Cosa possiamo fare per combattere questa situazione?

⌾ Dormire il giusto quantitativo di ore

⌾ Mantenere un’alimentazione corretta senza rinunciare a qualche stravizio

⌾ Fare movimento, ma se durante l’anno non si svolge nessuna attività sportiva, non esagerare durante le ferie!

⌾ Per chi va al mare: se soffri già di mal di schiena, evita di stare troppo sdraiato sul telo, alzati spesso e se puoi usa un lettino!

⌾ Per chi va in montagna: ricorda di scegliere percorsi che siano alla tua portata e utilizza scarpe giuste!

Se poi, quando tornate dalle ferie, avrete bisogno di noi, saremo qua ad aspettarti!

Leonardo Rascionato

CORSO DISORDINI TEMPORO MANDIBOLARI (Valerio Palmerini)

L’11/12 Settembre, ospiteremo a Firenze uno dei migliori nel campo della conoscenza e formazione sulle problematiche dell’ATM, Valerio Palmerini.

Sai perchè, per un fisioterapista/osteopata, è fondamentale avere nel proprio bagaglio le armi per riconoscere e trattare le disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare?

Perchè il paziente con disfunzione dell’ATM ha in comorbilità:
-Mal di testa
-Cefalea
-Fibromialgia
-Disordine del sonno
-Problematiche del Pavimento Pelvico

Il terapeuta di questi pazienti non tratta quindi un numero ristretto di persone, ma un numero crescente di persone che fino ad ora non sapevano veramente quale fosse il loro problema.

Si stima che questi pazienti siano il 12% della popolazione italiana.

𝗜𝗡𝗙𝗢 𝗖𝗢𝗥𝗦𝗢:

📍𝗦𝗘𝗗𝗘 𝗗𝗘𝗟𝗟’𝗘𝗩𝗘𝗡𝗧𝗢
IL FULIGNO, centro servizi e formazione Montedomini, via Faenza 48 50123, Firenze

👨🏻‍🏫 𝗗𝗢𝗖𝗘𝗡𝗧𝗘
Valerio Palmerini
Phd, Msc, P.T,
Direttore scuola di Riabilitazione Cranio Mandibolare (Roma)

⌚️ 𝗗𝗨𝗥𝗔𝗧𝗔
2 giornate dalle 9.00 alle 17.30 

👩‍🎓𝗣𝗔𝗥𝗧𝗘𝗖𝗜𝗣𝗔𝗡𝗧𝗜
Il corso è rivolto a Fisioterapisti e Osteopati

📃 𝗘𝗖𝗠
NON saranno erogati ECM

💳 𝗤𝗨𝗢𝗧𝗔 𝗗𝗜 𝗣𝗔𝗥𝗧𝗘𝗖𝗜𝗣𝗔𝗭𝗜𝗢𝗡𝗘
Il costo del corso è di 270 € + IVA (330 € IVA compresa)

Per scaricare il programma del corso qui ➡️ https://bit.ly/3iVQZYQ

Per info

📧 magheriniacademy@gmail.com

IL SUO DOLORE ALLA CERVICALE DIPENDEVA DALLA BOCCA

𝗜𝗟 𝗦𝗨𝗢 𝗗𝗢𝗟𝗢𝗥𝗘 𝗔𝗟 𝗖𝗢𝗟𝗟𝗢 𝗗𝗜𝗣𝗘𝗡𝗗𝗘𝗩𝗔 𝗗𝗔𝗟𝗟𝗔 𝗕𝗢𝗖𝗖𝗔

Per eliminare il suo dolore al collo, abbiamo dovuto mettere le mani….in bocca!

(Naturalmente come vedete in foto con tutte le accortezze del caso: mascherina, visiera, guanti)

E non è la prima volta che succede: sono tanti i casi di dolori alla cervicale o mal di testa che risolviamo trattando l’articolazione temporo-mandibolare.

𝗤𝘂𝗲𝘀𝘁𝗼 𝗽𝗲𝗿𝗰𝗵𝗲’ 𝗰’𝗲’ 𝘂𝗻𝗮 𝘀𝘁𝗿𝗲𝘁𝘁𝗮 𝗰𝗼𝗻𝗻𝗲𝘀𝘀𝗶𝗼𝗻𝗲 𝘁𝗿𝗮 𝗹𝗲 𝗽𝗮𝗿𝘁𝗶 𝗺𝘂𝘀𝗰𝗼𝗹𝗮𝗿𝗶 𝗲 𝗮𝗿𝘁𝗶𝗰𝗼𝗹𝗮𝗿𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗯𝗼𝗰𝗰𝗮 𝗰𝗼𝗻 𝗹𝗲 𝘀𝘁𝗿𝘂𝘁𝘁𝘂𝗿𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗰𝗲𝗿𝘃𝗶𝗰𝗮𝗹𝗲, per cui se c’è ad esempio qualche difetto di masticazione, la parte posteriore può irrigidirsi e generare dolore.

Ed è molto frequente trovare una situazione del genere: basti pensare che una delle conseguenze dello stress o di un periodo di vita frenetica (verrebbe da dire sempre…) è lo “stringere i denti”, tenere la muscolatura della bocca sempre contratta.

E quando lo diciamo alle persone ti rispondo sempre “𝙤𝙧𝙖 𝙘𝙝𝙚 𝙢𝙞 𝙘𝙞 𝙛𝙖𝙞 𝙥𝙚𝙣𝙨𝙖𝙧𝙚 𝙞𝙣 𝙚𝙛𝙛𝙚𝙩𝙩𝙞, 𝙢𝙞 𝙩𝙧𝙤𝙫𝙤 𝙨𝙚𝙢𝙥𝙧𝙚 𝙘𝙤𝙣 𝙞 𝙙𝙚𝙣𝙩𝙞 𝙨𝙩𝙧𝙚𝙩𝙩𝙞….”.

Per questo, quando c’è un dolore in una zona, dobbiamo sempre guardare attorno, per capire da dove parte realmente il problema.

𝗔𝗹𝘁𝗿𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗶 𝘀𝗶 𝗿𝗶𝘀𝗰𝗵𝗶𝗮 𝗱𝗶 𝗳𝗮𝗿𝗲 𝘁𝗿𝗮𝘁𝘁𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗶 “𝗮 𝘃𝘂𝗼𝘁𝗼” 𝗲 𝗻𝗼𝗻 𝗿𝗶𝘀𝗼𝗹𝘃𝗲𝗿𝗲 𝗺𝗮𝗶 𝗶𝗹 𝗽𝗿𝗼𝗯𝗹𝗲𝗺𝗮.

Come era successo a questa ragazza, che prima di venire da noi, era stata in un altro studio dove le avevamo fatto solo massaggio e tecar sulla parte del dolore.

Alessio Magherini

L’IMPORTANZA DELLE PAROLE

“𝗦𝗖𝗘𝗚𝗟𝗜 𝗕𝗘𝗡𝗘 𝗟𝗘 𝗣𝗔𝗥𝗢𝗟𝗘 𝗖𝗛𝗘 𝗗𝗜𝗖𝗜: 𝗨𝗡𝗔 𝗩𝗢𝗟𝗧𝗔 𝗗𝗘𝗧𝗧𝗘 𝗣𝗢𝗦𝗦𝗢𝗡𝗢 𝗘𝗦𝗦𝗘𝗥𝗘 𝗣𝗘𝗥𝗗𝗢𝗡𝗔𝗧𝗘, 𝗡𝗢𝗡 𝗗𝗜𝗠𝗘𝗡𝗧𝗜𝗖𝗔𝗧𝗘”

Quanto pensi che siano importanti le parole che usiamo?

Immagina la seguente situazione (𝘤𝘩𝘦 𝘤𝘳𝘦𝘥𝘪𝘮𝘪, 𝘢𝘷𝘷𝘪𝘦𝘯𝘦 𝘮𝘰𝘭𝘵𝘰 𝘱𝘪𝘶’ 𝘴𝘱𝘦𝘴𝘴𝘰 𝘥𝘪 𝘲𝘶𝘦𝘭𝘭𝘰 𝘤𝘩𝘦 𝘪𝘮𝘮𝘢𝘨𝘪𝘯𝘪). 

Un magazziniere (Paolo), mentre sta tirando su un peso a lavoro, sente un dolore acuto alla schiena e si ferma: sta un giorno a riposo a casa, prende qualche antinfiammatorio ma il dolore non passa. 

Decide quindi di rivolgersi al medico/fisioterapista.

A questo punto della storia, possono aprirsi due situazioni, due strade.

𝗦𝘁𝗿𝗮𝗱𝗮𝗔: “𝗘𝗳𝗶𝗻𝗶𝘁𝗮𝗮𝗺𝗶𝗰𝗼, 𝗻𝗶𝗲𝗻𝘁𝗲𝗽𝗶𝘂𝘀𝗳𝗼𝗿𝘇𝗶𝗽𝗲𝗿𝘁𝗲

Il medico/fisioterapista ascolta distrattamente la sua storia, intento a fare altro. Prescrive una settimana di punture (se medico), e, sempre molto distrattamente si lascia sfuggire un “𝙎𝙞 𝙧𝙞𝙥𝙤𝙨𝙞 𝙞𝙡 𝙥𝙞𝙪’ 𝙥𝙤𝙨𝙨𝙞𝙗𝙞𝙡𝙚, 𝙣𝙞𝙚𝙣𝙩𝙚 𝙨𝙛𝙤𝙧𝙯𝙞, 𝙚 𝙢𝙞 𝙧𝙖𝙘𝙘𝙤𝙢𝙖𝙣𝙙𝙤, 𝙣𝙤𝙣 𝙨𝙞 𝙥𝙞𝙚𝙜𝙝𝙞 𝙖 𝙨𝙤𝙡𝙡𝙚𝙫𝙖𝙧𝙚 𝙣𝙞𝙚𝙣𝙩𝙚”.

Il dolore non passa, si fa allora la risonanza magnetica.

Referto: “degenerazione, stenosi canale, ernie a livello L2-L3-L4, riduzione ampiezza dei dischi, scoliosi, ecc..”

Nessuno si prende la briga di spiegare l’esito della risonanza al povero Paolo che adesso è molto preoccupato per la situazione (𝘦 𝘤𝘰𝘮𝘦 𝘥𝘢𝘳𝘨𝘭𝘪 𝘵𝘰𝘳𝘵𝘰!). Per lavorare deve sollevare pesi e gli è stato detto in 2 minuti di conversazione che non potrà più farlo, per via della sua schiena così fragile e messa male.

A lavoro iniziano a lamentarsi della sua assenza. Questo non fa che aumentare la sua ansia. Con tutte queste preoccupazioni riesce a dormire poco.

Il dolore non passa, eppure sta evitando il più possibile di muoversi, si riposa a letto senza fare danni, perché non passa!?

Strada B: “Tranquillo Paolo, tornerai in forma in men che non si dica!”

Il medico/fisioterapista ascolta attentamente la sua storia, effettua un’approfondita valutazione per capire il problema.

“𝙋𝙖𝙤𝙡𝙤, 𝙨𝙤 𝙘𝙝𝙚 𝙞𝙡 𝙙𝙤𝙡𝙤𝙧𝙚 𝙘𝙝𝙚 𝙨𝙚𝙣𝙩𝙞 𝙚’ 𝙚𝙨𝙩𝙧𝙚𝙢𝙖𝙢𝙚𝙣𝙩𝙚 𝙖𝙡𝙩𝙤 (𝙚𝙙 𝙚’ 𝙘𝙤𝙨ì!), 𝙢𝙖 𝙥𝙚𝙧 𝙛𝙤𝙧𝙩𝙪𝙣𝙖 𝙨𝙚𝙢𝙗𝙧𝙖 𝙘𝙝𝙚 𝙣𝙤𝙣 𝙘𝙞 𝙨𝙞𝙖 𝙣𝙞𝙚𝙣𝙩𝙚 𝙙𝙞 𝙜𝙧𝙖𝙫𝙚/𝙥𝙚𝙧𝙞𝙘𝙤𝙡𝙤𝙨𝙤 (𝙚 𝙣𝙚𝙡 99% 𝙙𝙚𝙞 𝙘𝙖𝙨𝙞 𝙚’ 𝙘𝙤𝙨𝙞!). 𝙇𝙖 𝙩𝙪𝙖 𝙨𝙘𝙝𝙞𝙚𝙣𝙖 𝙣𝙤𝙣 𝙚’ 𝙣𝙚 𝙛𝙪𝙤𝙧𝙞 𝙖𝙨𝙨𝙚, 𝙣𝙚 𝙩𝙖𝙣𝙩𝙤𝙢𝙚𝙣𝙤 𝙛𝙧𝙖𝙜𝙞𝙡𝙚. 𝙋𝙧𝙚𝙣𝙙𝙞𝙩𝙞 𝙦𝙪𝙖𝙡𝙘𝙝𝙚 𝙜𝙞𝙤𝙧𝙣𝙤 𝙙𝙞 𝙧𝙞𝙥𝙤𝙨𝙤 𝙙𝙖 𝙡𝙖𝙫𝙤𝙧𝙤, 𝙚𝙫𝙞𝙩𝙖 𝙥𝙚𝙧 𝙪𝙣𝙖 𝙨𝙚𝙩𝙩𝙞𝙢𝙖𝙣𝙖 𝙙𝙞 𝙨𝙤𝙡𝙡𝙚𝙫𝙖𝙧𝙚 𝙥𝙚𝙨𝙞, 𝙢𝙖 𝙣𝙤𝙣 𝙨𝙩𝙖𝙧𝙚 𝙛𝙚𝙧𝙢𝙤, 𝙘𝙖𝙢𝙢𝙞𝙣𝙖 𝙚 𝙘𝙖𝙢𝙗𝙞𝙖 𝙥𝙤𝙨𝙞𝙯𝙞𝙤𝙣𝙚 𝙨𝙥𝙚𝙨𝙨𝙤 𝙞𝙣 𝙦𝙪𝙚𝙨𝙩𝙞 𝙥𝙧𝙞𝙢𝙞 𝙜𝙞𝙤𝙧𝙣𝙞. 𝙉𝙚𝙡 𝙜𝙞𝙧𝙤 𝙙𝙞 𝙦𝙪𝙖𝙡𝙘𝙝𝙚 𝙨𝙚𝙩𝙩𝙞𝙢𝙖𝙣𝙖 𝙫𝙚𝙙𝙧𝙖𝙞 𝙘𝙝𝙚 𝙞𝙡 𝙙𝙤𝙡𝙤𝙧𝙚 𝙨𝙖𝙧𝙖’ 𝙣𝙤𝙩𝙚𝙫𝙤𝙡𝙢𝙚𝙣𝙩𝙚 𝙢𝙞𝙜𝙡𝙞𝙤𝙧𝙖𝙩𝙤”.

Paolo torna a casa più tranquillo, avverte a lavoro e si rilassa per qualche giorno. Quando sente dolore sa che non c’è niente di grave lo accetta meglio.

Il medico prescrive comunque la risonanza:

Referto: “degenerazione, stenosi canale, ernie a livello L2-L3-L4, riduzione ampiezza dei dischi, scoliosi, ecc..” (𝘯𝘰𝘵𝘢𝘳𝘦 𝘤𝘩𝘦 𝘦’ 𝘪𝘭 𝘴𝘰𝘭𝘪𝘵𝘰 𝘳𝘦𝘧𝘦𝘳𝘵𝘰 𝘥𝘪 𝘱𝘳𝘪𝘮𝘢)

Paolo, spaventato, va dal medico/fisioterapista.

“𝙏𝙧𝙖𝙣𝙦𝙪𝙞𝙡𝙡𝙤 𝙋𝙖𝙤𝙡𝙤, 𝙦𝙪𝙚𝙨𝙩𝙞 𝙨𝙤𝙣𝙤 𝙩𝙪𝙩𝙩𝙞 𝙘𝙖𝙢𝙗𝙞𝙖𝙢𝙚𝙣𝙩𝙞 𝙣𝙤𝙧𝙢𝙖𝙡𝙞 𝙙𝙤𝙫𝙪𝙩𝙞 𝙖𝙡𝙡’𝙚𝙩𝙖’. 𝙀𝙧𝙖𝙣𝙤 𝙡𝙞 𝙥𝙧𝙞𝙢𝙖 𝙙𝙚𝙡 𝙙𝙤𝙡𝙤𝙧𝙚, 𝙚 𝙡𝙤 𝙨𝙖𝙧𝙖𝙣𝙣𝙤 𝙦𝙪𝙖𝙣𝙙𝙤 𝙨𝙩𝙖𝙧𝙖𝙞 𝙗𝙚𝙣𝙚”

Paolo torna a casa, più tranquillo.

Nel giro di qualche settimana torna a lavoro, stando un pochino più attento nelle prime settimane.

Nel giro di un mese Paolo è tornato a sollevare pesi piegando la schiena, e soprattutto non ha paura di farlo!

Notate qualche differenza?

𝗟𝗲 𝗽𝗮𝗿𝗼𝗹𝗲 𝗳𝗮𝗻𝗻𝗼 𝗹𝗮 𝗱𝗶𝗳𝗳𝗲𝗿𝗲𝗻𝘇𝗮.

Niccolò Chirici

QUALI SONO GLI INTEGRATORI PIÙ IMPORTANTI PER IL NOSTRO CORPO?

E’ fondamentale combinare la fisioterapia, con una giusta dieta. 

Se ci sono delle carenze di vitamina è quasi impossibile reintegrarle  velocemente con solo l’alimentazione. 

Ecco l’importanza degli integratori, 𝗮 𝗽𝗮𝘁𝘁𝗼 𝗽𝗲𝗿𝗼’ 𝗰𝗵𝗲 𝘀𝗶𝗮𝗻𝗼 𝗽𝗿𝗼𝗱𝗼𝘁𝘁𝗶 𝗲𝗳𝗳𝗶𝗰𝗮𝗰𝗶, 𝘁𝗲𝘀𝘁𝗮𝘁𝗶 𝗲 𝗻𝗮𝘁𝘂𝗿𝗮𝗹𝗶 (ciò che li rende facilmente assimilabili dal corpo).

Qua sotto trovi alcuni degli integratori più importanti per il tuo benessere

𝗢𝗠𝗘𝗚𝗔 𝟯

Il nostro corpo non è in grado di produrre a sufficienza acidi grassi polinsaturi omega3

A cosa servono?

🟢Inibiscono le INTERLEUCHINE-1 e INTERLEUCHINE -6 cioè inibiscono l’infiammazione ed i fattori di necrosi tumorale

🟢Riducono la Proteina C- REATTIVA (indicatore dell’infiammazione)

🟢Usato nei pazienti con Artrite Reumatoide è stato dimostrato chediminuisce la dolenzia articolare e la rigidita’ muscolare mattutina e del LEUCOTRIENE B4 (lipidi che partecipano all’infiammazione in special modo nelle infiammazioni respiratorie)

🟢Contengono sostanze (EPA e DHA) che assunte nelle giuste dosi, contribuiscono ad una corretta funzionalità cardiaca

🟢Non si consiglia l’uso di omega 3 ai pazienti già in terapia con anticoagulanti

𝗚𝗟𝗨𝗖𝗢𝗦𝗔𝗠𝗜𝗡𝗔 𝗙𝗢𝗦𝗙𝗔𝗧𝗢

🔵stimola la produzione di cartilagine in pazienti artrosici

🔵ha un effetto benefico nella prevenzione di perdita di cartilagine in pazienti con artrosi

🔵diminuisce il dolore artrosico (addirittura alcuni studi hanno dimostrato che nei pazienti che assumevano 1500 mg al giorno dopo tre anni si interrompeva la degenerazione cartilaginea

🔵non hanno nessun effetto collaterale, tantomeno sul metabolismo del glucosio

🔵occhio però a quello che comprate perchè questa sostanza è determinante ed efficace se dosata nella giusta soluzione.

𝗠𝗔𝗚𝗡𝗘𝗦𝗜𝗢

🔴aumenta la densità ossea e previene dal rischio di fratture

🔴più assumiamo magnesio, più allontaniamo la sindrome metabolica

🔴previene i crampi

🔴l’uso di magnesio ristabilisce  i livelli di ferro e migliora la sensibilità all’insulina (in pazienti diabetici)

🔴utile in pazienti tendenti all’insulino resistenza e diabete di tipo II in quanto possono manifestare un quadro di polineuropatia sensitiva dolente (questo quadro è presente anche nei pazienti trattati con chemio)

🔴l’assunzione di magnesio nei pazienti con indicatori di infiammazione elevati (cpr) ne riduce i livelli

Alessio Magherini

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑